fbpx

Scuola, approvata l’intesa per il Piano di azione pluriennale per il Sistema integrato 0-6 anni. Nel 2021-2025, risorse per 309 mln l’anno.


Scuola, lanciata la campagna di consultazione sulle Linee Pedagogiche per il sistema integrato 0-6 anni. Bianchi: “È sfida educativa e sociale”.

✒ È stata approvata in Conferenza Unificata l’intesa relativa al Piano di azione nazionale pluriennale per il Sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita ai sei anni per il quinquennio 2021-2025 (Intesa dell’8 luglio rep. atti n. 82/CU).

La notizia era nell’aria ma essere arrivati alla sua approvazione, ci mette di fronte ad un quinquennio di grandi opportunità per il mondo della scuola.

Tutti gli operatori del mondo dell’istruzione sono chiamati a non “sprecare” questa grande occasione e sono moralmente impegnati a iniziare quel tanto auspicato ammodernamento della scuola italiana.

Citando il Ministro Patrizio Bianchi

📢 Il sistema 0-6 è forse la più importante delle sfide educative che noi oggi affrontiamo, ma anche la più importante delle sfide sociali – ha dichiarato il Ministro Patrizio Bianchi nel suo intervento -. L’emergenza epidemiologica ci ha confermato che la scuola deve essere il luogo dove si crea l’uguaglianza. Il sistema d’Istruzione è lo specchio della società e deve quindi insegnare il concetto fondante della democrazia e della parità.”

📌 Le risorse del Fondo per il Sistema integrato 0-6 saranno utilizzate per: nuova costruzione, ristrutturazione, restauro, riqualificazione funzionale ed estetica, messa in sicurezza, risparmio energetico e fruibilità degli edifici per i servizi educativi del Sistema 0-6.

📌 Inoltre spese di gestione, dei servizi educativi per la prima infanzia e delle scuole dell’infanzia; formazione continua in servizio del personale educativo e docente e la promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali.  

📌 Saranno predeterminate, a livello nazionale, quote di risorse che Regioni e Province autonome dovranno programmare da destinare alla formazione e al coordinamento pedagogico territoriale.

Cos’è il Sistema integrato 0-6?

Il Sistema integrato di educazione e di istruzione garantisce a tutte le bambine e i bambini, dalla nascita ai sei anni, pari opportunità di sviluppare le proprie potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento per superare disuguaglianze, barriere territoriali, economiche, etniche e culturali (Decreto legislativo 65 del 2017).

Finalità
Il Sistema 0-6 anni mira a:

📍 promuovere la continuità del percorso educativo e scolastico

📍 ridurre gli svantaggi culturali, sociali e relazionali promuovendo la piena inclusione di tutti i bambini e rispettando e accogliendo tutte le forme di diversità

📍 sostenere la primaria funzione educativa delle famiglie

📍 favorire la conciliazione tra i tempi di lavoro dei genitori e la cura dei bambini

📍 promuovere la qualità dell’offerta educativa anche attraverso la qualificazione universitaria (è istituita una Laurea in Scienze dell’educazione a indirizzo specifico) del personale educativo e docente, la formazione in servizio e il coordinamento pedagogico

📍 agevolare la frequenza dei servizi educativi.

✔ Che cosa comprende?

Il Sistema 0-6 comprende:

📍 i servizi educativi per l’infanzia, gestiti dagli Enti locali, direttamente o attraverso la stipula di convenzioni, da altri enti pubblici o dai privati, articolati in:

📍 nidi e micronidi, che accolgono i bambini tra i 3 e i 36 mesi e hanno orari di apertura, capacità ricettiva, modalità di funzionamento, costi delle rette diversi da Comune a Comune (di solito assicurano il pasto e il riposo)

sezioni primavera, che accolgono i bambini tra i 24 e i 36 mesi e sono aggregate alle scuole dell’infanzia statali o paritarie o ai nidi 

📍 servizi integrativi, con un’organizzazione molto flessibile e modalità di funzionamento diversificate. Si distinguono in:

📍 spazi gioco per bambini da 12 a 36 mesi, privi di servizio mensa, con frequenza flessibile fino a un massimo di 5 ore giornaliere

📍 centri per bambini e famiglie che accolgono bambini dai primi mesi di vita insieme a un adulto accompagnatore, privi di servizio mensa, con frequenza flessibile

📍 servizi educativi in contesto domiciliare per un numero ridotto di bambini da 3 a 36 mesi

📍 le scuole dell’infanzia, che possono essere statali o paritarie a gestione pubblica o privata. La frequenza della scuola dell’infanzia statale è gratuita; a carico delle famiglie resta il costo del pasto e di eventuali servizi a domanda individuale (come scuolabus, pre-scuola, prolungamento orario).

I Poli per l’infanzia
Vera novità del decreto legislativo 65 del 2017 sono i Poli per l’infanzia, che accolgono in un unico edificio o in edifici vicini strutture sia del segmento 0-3 sia del segmento 3-6 per un migliore utilizzo delle risorse attraverso la condivisione di servizi, spazi e risorse.

Abbiamo già delle soluzioni?

📢 Mobilferro leader nel mercato degli arredi scolastici è pronta offrire, attraverso la sua rete commerciale estesa su tutto il territorio, tutta la sua consulenza e soluzioni adeguate a dare risposte alle nuove esigenze già disponibili a catalogo.

Altre proposte:

Designed by Lago digitale
× .